Dic 18, 2012 - Senza categoria    No Comments

Farmaci per il raffeddore e malattie cardiovascolari

Da qualche giorno le temperature sono scese, primi freddi sono anche portatori dei primi malanni di stagione, il più comune è il raffreddore, causato da rhinovirus che coinvolge il naso e la gola, un malanno più che altro fastidioso, spesso mi sento dire, sono uscito fuori con i capelli bagnati c’era freddo e mi sono preso un bel raffreddore, invece il 99 % dei rhinovirus si prendono in posti al chiuso al caldo e in luoghi affollati. Di raffreddore si guarisce nel giro di una settimana massimo due e non necessita di farmaci.
 
In questi giorni si è diffusa la notizia che alcuni prodotti contro il raffreddore, tra cui farmaci da banco che si possono acquistare senza prescrizione medica, possono causare problemi di salute.
In realtà non è nuova questa notizia tanto che alcuni di questi farmaci sono sotto osservazione di diverso tempo e nel foglietto d’informazione allegato in molti casi nelle controindicazioni viene indicato che non sono consigliati a persone con problemi cardiovascolari, solo che spesso non vengono letti da tutti i consumatori.
 
A destare discussione è la Pseudoefedrina e la sue proprietà di vasocostrittore che potrebbe innescare a coloro che sono a rischio malattie cardiovascolari episodi d’ipertensione, ictus, convulsioni, un incidente vascolare cerebrale (AVC) (In particolare la notizia si concetrava sui farmaci per via orale). I Farmaci che contengono Pseudoefedrina facilitano la decongestione nasale e alleviano alcuni sintomi del raffreddore.
 
Dal momento che sono farmaci da banco possono fare pubblicità sulle riviste e nei spot in televisione, molti professionisti della salute consigliano di prestare attenzione alle controindicazioni di non superare la dose massima giornaliera, di non superare la durata massima del trattamento, ricordarsi che sono farmaci controindicati nei bambini con meno di  12/14 anni.
 
Questi farmaci non guariscono dal raffreddore, ma hanno la sola funzione di antisettico  e antidecongestionante.

continua



Non riesco a digerire i legumi secchi, hai qualche consiglio?

Domanda di Cristina S. : Mi piacciono molto i legumi secchi, ma gli escludo spesso dalla dieta perchè non riesco a digerirli, hai qualche consiglio che può aiutarmi?

La non digeribilità dei legumi può dipendere da diversi fattori:

1) Quantità

2) Cottura

3) Abbinamento

4) Preparazione

 

1) Quantità, conta anche la frequenza e la regolarità con cui mangiamo i legumi, mentre una volta i legumi erano presenti sulle nostre tavole quasi tutti i giorni oggi la loro presenza è sporadica, conosco persone che li mangiano solo a Capodanno grazie alle lenticchie. 

Nell’intestino mancano gli enzimi in grado di digerire alcuni zuccheri presenti nei legumi, che una volta arrivati nel colon possono essere fermentati dalla flora batterica presente.

Si può introdurre i legumi gradualmente e consumarli con regolarità, in quanto l’apparato digerente si abitua pian piano ai zuccheri dei legumi.

1 porzione per volta, più la porzione è grande più la fatica della digestione si fa sentire.

 

2) Cottura, la cattiva cottura può essere data anche da una cottura non ottimale, ricordate che i legumi secchi vanno messi a bagno prima di cuocerli per diverse ore , alcune varietà di ceci anche 20 ore e con acqua abbondante, sulle confezioni viene indicato sia il tempo di ammollo che il tempo di cottura.

Si consiglia di cuocere i legumi per 10-15 minuti e poi buttare l’acqua e mettere nuovo acqua fredda.

Può essere utile mettere un pizzico di bicarbonato di sodio nell’acqua che ne agevola la cottura.

 

3) Abbinamento, attenzione alcune ricette della tradizione sono troppo ricche di grassi, spesso si aggiungono le cotenne del maiale, lardo, guanciale, più olio o burro, questo appesantisce il piatto e prolunga di digestione, quindi è consigliabile non aggiungere eccessivi grassi nella cottura.

Ricordate spezie ed erbe aromatiche facilitano la secrezione digestiva e stimolano le funzioni intestinali : rosmarino, alloro, semi di finocchio, anice, curry, curcuma

 

4) Preparazione, alcuni hanno lo stomaco delicato come le persone anziane o i bambini e le spezie non sono consigiabili, allora buona cosa è frullare i legumi in questo modo diventano più digeribili

Post Correlati: Riso integrale e legumi abbinare gli alimenti aiuta e perdere peso e a gestire meglio il diabete,

Giu 6, 2012 - Senza categoria    No Comments

Io soffro di Ritenzione Idrica, quali alimenti devo evitare quest’ estate?

La ritenzione idrica ha cause multifattoriali ma due sono i fattori principali:

1) Cattiva circolazione sanguigna

2) Un consumo eccessivo di sale

Per migliorare la circolazione sanguigna la cosa migliore è muoversi e fare attività fisica, siamo nel periodo  della bella stagione, diventa più semplice fare delle lunghe passeggiate, andare in bicicletta, nuotare in acqua sia in mare che in piscina. Tuttavia si può iniziare già in inverno camminando a piedi senza prendere i mezzi pubblici per spostarsi in città oppure fare le scale invece di prendere l’ascensore.

Nel periodo estivo si moltiplicano anche le occasioni di svago e di socialità, merende, pic nic, aperitivi, party, cene all’aperto, sono occasioni dove si moltiplica l’offerta e il consumo di prodotti ricchi di sale.

Cosa scegliere? Evitare il consumo di salumi, tutti i tipi di salumi e formaggi, ketchup, maionese, mostarda, salsa tonnata, patè di olive, salse di soia, patatine fritte, patatine light, sottaceti, pizze e pizzette ricche di ingredienti, biscotti salati, frutta secca salata.

Evitare la strategia “provo un po’ di tutto cosi non mi fa male” ma un po’ di salumi un po’ di formaggio, un po’ di pistacchi salati, alla fine si rischia di assumere più alimenti con sale di quanto ci si possa aspettare.

Spesso vedo nelle feste un offerta interessante di verdure a pinzimonio, ma anche frutta proposta sia come antipasto che alla fine del pasto, proposte pensate per chi deve perdere peso ma utili anche in caso di ritenzione idrica.

Portate particolare attenzione anche alle bevande: evitare i succhi di verdure come pomodoro o carote, le bibite gassate, gli alcolici, ottima scelta sono i centrifugati di frutta e verdura fresca.

Consiglio a costo zero per la ritenzione idrica: recuperate l’acqua di cottura senza sale dei legumi o delle verdure, fatela raffreddare e conservatela in frigorifero, durante il giorno bevetene qualche bicchiere. Dopo qualche giorno potrete sorprendervi di vedere la vostra circolazione saguigna migliorata, una diminuzione della ritenzione idrica e in alcuni casi anche la perdita di peso.

Post correlati: Alimentazione e cellulite, come ridurre il consumo di sale, 1 grammo di sale dove posso trovarlo.

Interessante: alimentazione in equilibrio quanto sale mangi senza saperlo

 

Soffro di reflusso gastro-esofageo il medico mi ha proibito il cioccolato perchè?

 

lameredefamilie.jpg

Il cioccolato è ricco di grassi 40%  e di conseguenza può generare una digestione lenta, il cioccolato resta  a lungo tempo nello stomaco e ne aumenta l’acidità , pertanto è ragionevale pensare che possa stimolare i sintomi del reflusso. 

C’è anche un altra ragione legata al contenuto del cacao di sostanze come per esempio la caffeina e in particolare di due alcaloidi la teobromina e la teofillina che possono diminuire la pressione tra valvola ed esofago e quindi favorire la risalita del cibo. Questo fenomeno non riguarda solo il cioccolato ma anche altri alimenti come il , le cole e tutte le bibite che contengono caffeina, lo stesso caffe, l’alcool, aglio, cipolla, limoni, pomodoro,  ma anche i cibi e le preparazioni troppo ricche di grassi.

Nei casi più leggeri il solo evitare di mangiare alcuni alimenti unito a cambiamento di alcune abitudini il reflusso esofageo può risolversi con esito positivo.

Pertanto il consiglio è seguire un alimentazione equilibrata che contenga cibi di facile digeribilità,  mangiare poco e spesso con preparazioni semplici e poco elaborate.

Prodotti che contengono Sciroppo di glucosio-fruttosio

Prodotti che si possono trovare in un supermercato in Italia:

Biscotti

Krumiri Bistefani

Krumiri Bisfefani al cioccolato

Oro Saiwa

Petit Pavesi

Biscotti Simply

Esselunga Petit biscotti

Esselunga frollini all’uovo

Esselunga biscotti frollini con cacao e nocciole

Esselunga biscotti frollini con gocce di cioccolato

Esselunga biscotti novellini

Esselunga frollini alla panna

Esselunga frollini integrali

Biscotti Vitasnella frutti rossi

Gocciole tribù

Gran cereale croccante Mulino bianco

Galbusera Frollini The froll

Mulino Bianco Cuore di mela

Mulino Bianco Girotondi

Matilde vincenzi Millefoglie

Frollini con granella zucchero Coop 

Frollini con gocce di cioccolato Coop 

Frollini all’uovo Coop 

Biscotti petit Coop 

Crissant al cacao Coop

Digestive le contadine

 

Prodotti da prima colazione

Confettura Santa rosa

Confettura extra Pam

Balconi snack dolce

Buondì

Buondì al cioccolato

Bauli Croissant al cioccolato

Bauli Cuore di Cacao

Bauli Voglia di albicocca

Bauli ricoccole

Casalini cornetti al cioccolato

Esselunga trancini al cacao

Esselunga trancini al latte

Esselunga crostattine ocn confettura al’albicocca

Esselunga crostatine crema al cacao

Mulino Bianco Note di limone

Mulino Bianco Delizia al cioccolato

Mulino Bianco Pan di Stelle

Mulino Bianco Flauti

Mulino Bianco Flauti al cioccolato

Mulino Bianco Crostatina all’albicocca

Mulino Bianco Crostatina al cacao

Tam Tam Belsen

Mr Day croissant al cacao

Mr Day

Kinder brioss

Frollini cacao e nocciole Simply

Frollini panna e cioccolaro Simply

Frollini granella di zucchero Simply

Fette Pan monviso

 

Yogurt

Activia

Activia breakfast

Yogurt alla greca Nestlè

Crema yogurt Muller alla frutta

Stuffer Yogurt da bere ai lamponi

 

Bibite:

Oransoda

Lemonsoda

Mojito Soda

San pellegrino aranciata

San pellegrino chinò

Yoga succhi di frutta

Yoga Aq antiossidante

Succo e polpa di frutta Esselunga

Succo e polpa di frutta Coop

  

Caramelle:

Dofour

 

Elenco work in progress

Post come argomento sciroppo di glucosio-fruttosio

Sciroppo di zucchero, sciroppo di glucosio,. sciroppo di glucosio-fruttosio

Sciroppo di glucosio-fruttosio negli adolescenti

 

 

Post come

Champagne e spumante contengono polifenoli per la protezione del sistema cardiovascolare?

spumante,champagne,salute,polifenoli,prevenzione cardiovascolare,prevenzione cuore,vino,alcool,salute alcool

Domanda di Claudia T: lo spumante e lo champagne proteggono il nostro sistema cardiovascolare, con il loro contenuto di polifenoli?

L’unico studio pubblicato in merito che io ricordo è apparso sul British Journal of Nutrition nel 2009 e riguardava lo champagne, a ragione veduta anche se non stati fatti degli studi che io ricordo anche lo spumante e il prosecco potrebbero contenerne una discreta quantità.

Effettivamente lo champagne contiene un discreto tenore di polifenoli che gli conferiscono delle proprietà antiinfiammatorie. Gli antiossidanti contenuto nel vino possono svolgere anche altre funzioni positive come limitare i danni dei radicari liberi e svolgere anche una funzione nella prevenzione dell’invecchiamento celebrale.

Tuttavia personalmente non sono daccordo nella comunicazione delle proprietà salutari del vino e dell’alcool in generale, perchè come in questo caso lo champagne non può essere considerato una terapia, il consumo di alcool deve essere moderato e rimanere occasionale, si rischia di creare delle false aspettative.

Lo stesso studio sostiene che gli effetti positivi si riscontrano con due bicchieri di champagne al giorno, questa è una quantità non tollerata da tutti allo stesso modo,  1 bicchieri di bevanda alcolica è bel tollerato da un individuo adulto sano, due invece dipendono dalle condizioni fisiche, età, sesso, salute, fegato, patologie già presenti.

La stessa quantità di polifenoli la possiamo trovare presenti in altri alimenti come l’uva o ancora meglio il tè, anche se la fonte principale rimane la frutta e la verdura (dagli agrumi alle ciliegie, dai cavoli a pomodoro), ma anche cacao, olio di oliva extravergine spremuto a freddo, ce ne sono in discreta quantità ma non hanno gli stessi effetti negativi dell’alcool.

Brindate pure al nuovo anno con un bicchiere di spumante o di champagne, un occasione per fare festa e celebrare il nuovo anno, ma tutto qui.

Post correlati: Il vino fa bene o fa male, birra ha gli stessi benefici cardiovascolari del vino,

Le bacche d’aronia riducono il rischio di malattia cardiovascolare?

Le bacche d’ Aronia sono ricche di antociani (antiossidanti) della famiglia dei Flavonoidi, Vitamina C e Vitamina K,  possono aiutare a ridurre il rischio di malattia cardiovascolare nei pazienti con sindrome metabolica, cioè una situazione clinica ad alto rischio cardiovascolare per situazioni o patologie pregresse che colpisce spesso persone in età avanzata, un gruppo con elevato tasso di mortalità.

Dopo il mirtillo, cranberry, ribes rosso, ribes nero e la bacca di acai è la volta delle bacche d’aronia è stato   pubblicato uno studio sulla rivista European Journal of Nutrition, il consumo della bacche d’aronia favorirebbe la circolazione sanguigna e aiuta a ridurre  i livelli di lipidi nel sangue.

I ricercatori Sikora J e c. dell’Università di Medicina di Lodz, in Polonia, in un gruppo di 52 persone di cui 38 con sindrome metabolica, hanno volutato l’effetto di bacche Aronia sulle analisi del sangue del livelli di colesterolo, trigliceridi. I partecipanti con sindrome metabolica hanno ricevuto 300 mg di estratto di bacche in 2 mesi.

Risultati: 2 mesi di supplementazione porta ad una riduzione del 6,5% del colesterolo totale e una riduzione del 9% del colesterolo LDL e dei trigliceridi. Gli estratti di bacche di aronia limitare sono stati utili perche evitano la formazione di coaguli di sangue.

Uno studio interessante ma sarebbe stato meglio se fosse stato correlato anche la dieta e il livello di attività fisica del gruppo di persone preso in esame, sono certo che in uno studio futuro magari a doppio cieco e con un numero più alto di perosne coinvolte, vedremo anche questi dati.

Fonte : Sikora J, Broncel M, Markowicz M, Chalubinski M, Wojdan K, Mikiciuk-Olasik E; Short-term supplementation with Aronia melanocarpa extract improves platelet aggregation, clotting, and fibrinolysis in patients with metabolic syndrome. Eur J Nutr. 2011 Aug 18

Set 11, 2011 - alimentazione, nutrizione    1 Comment

Insalata e yogurt magro ?

Domanda di Elena C. : Non capisco perchè ingrasso mangio a mezzogiorno solo insalata e yogurt magro!!

Un alimentazione anche per perdere peso deve essere varia ed equilibrata. Questo tipo di pasto combina diversi punti negativi, un alimentazione monotona che a lunga andare genera carenze nutrizionali, non si può certo definire un pasto completo ed equilibrato.

Per dimagrire bisogna valutare l’intero introito gironaliero (prima colazione, spuntino, pasto, merenda e cena) ma sopratutto le calorie spese, incluse un’ attività fisica.

Nel pasto lo yogurt fornisce solo le proteine ​​del latte (un po’ poco) e il lattosio che promuove l’innalzamento dei livelli d’insulina.

Un alimentazione invece varia con proteine da diversi fonti ​​alimentari promuove il senso di sazietà e aiuta nella lotta contro la cellulite. La conseguenza di un pasto cosi è che si ha più fame durante il pomeriggio favorendo il peluccamento con accumulo di calorie vuote e … ci si gonfia ancora di più.

Mag 2, 2011 - nutrizione    No Comments

Come diminuire i trigliceridi

American Heart Association ha confrontato oltre 500 studi internazionali condotti negli ultimi 30 anni  e ha pubblicato una sintesi di consigli per l’abbassamento dei trigliceridi nel sangue.

La particolarità di questo studio fa la differenziazione tra i trigliceridi e colesterolo (di solito spesso studiato insieme). Hanno quindi concluso che una dieta composta di grassi insaturi, attività fisica e perdita di peso può ridurre i trigliceridi del 20% al 50%.

La buona notizia è che possiamo ridurre notevolmente i livelli di trigliceridi facendo significativi cambiamenti nello stile di vita. Con il colesterolo tali modifiche anche se importanti sono spesso insufficienti. 

Per conoscere il livello dei trigliceridi è possibile farlo semplicemnte con un esame del sangue. I ricercatori consigliano di non andare a digiuno, come spesso viene consigliato.

Se i tuoi trigliceridi sono troppo elevati (200-499 mg / dL), si consiglia di  

–  limitare il consumo di zucchero aggiunto

–  ridurre i grassi saturi a meno 7% delle calorie totali assunte

–  eliminare l’alcool 

soprattutto se il livello dei trigliceridi è superiore a 500 mg / dL. più un attività fisica costante almeno di 3 ore a settimana.

Se il tasso si avvicina o supera i 150-199 mg / dL, gli esperti raccomandano un’ attività fisica moderata, come camminare a ritmo sostenuto per almeno due ore e mezza la settimana. Cosi si possono abbassare i trigliceridi del 20% o 30%. Grazie alla combinazione di esercizio con la dieta adeguata.

Ancora una volta vediamo che l’esercizio fisico ha una grande importanza sulla terapia e nella prevenzione della malattie.

Mar 7, 2011 - dieta ipocalorica    1 Comment

Biscotto o pane per la prima colazione?

cocomaya2.jpg

Domanda di Laura: Volevo sapere se per me che sono a dieta, è meglio mangiare nella prima colazione il pane o i biscotti? 

Risposta: Dipende, dipende dal gusto, dipende dalla quantità, dipende dalla qualità, dal tipo di biscotto e dal tipo di pane, importante è scegliere un biscotto di qualità (senza grassi trans, senza grassi idrogenati, senza olii vegetali non idrogenati), i biscotti in media apportano 8% di grassi, in genere burro o ancora meglio olio di oliva, mentre invece il pane apporta solo 1,5% di materia grassa, anche qui è importante scegliere un pane di qualità meglio se un pane integrale che è più ricco di fibra, eviterei quei cosidetti pani dolci o i pani al cioccolato , non solo non sono a metà tra pane e biscotti, ma a volte contengono più grassi e zuccheri dei biscotti stessi.

I biscotti contengono rispetto al pane anche più zucchero (attenzione alla presenza di sciroppo di glucosio -fruttosio) in proporzioni diversi dal tipo di biscotto e dalla marca. La prima colazione è importante deve costituire il 20% dell’introduzione di alimenti nella giornata, deve fornire una buona energia ed evitare il peluccamento durante la giornata, deve fornire sazietà.

 

A parità di peso è bene fare una colazione con meno biscotti possiamo dire

30 gr di pane = 20 g di biscotti

il mio consiglio personale è di inserire nella prima colazione sempre e comunque della frutta meglio se fresca dalla spremuta d’arancia alla macedonia di frutta. 

Pagine:«12345»