Mag 15, 2010 - Prevenzione    No Comments

Reflusso esofageo: 10 consigli antireflusso

 

Che cos’è il reflusso gastroesofageo?

 

Il reflusso gastroesofageo è un disturbo dell’esofago. Quando mangiamo il cibo passa dalla bocca allo stomaco attraverso l’esofago. Tra l’esofago e lo stomaco c’è una valvola, che si apre per far passare il cibo e si chiude quando il cibo è arrivato nello stomaco.

 

Il reflusso è generato quando la valvola non funziona bene, cioè si apre quando non dovrebbe è così parte del cibo ingerito torna indietro ossia il cibo e i succhi gastrici provenienti dallo stomaco che sono acidi ritornano nell’esofago ed è proprio la presenza di acido che irrita l’esofago causando i sintomi del reflusso.

 

Lo stomaco è fatto in modo da sopportare la presenza di acido al suo interno, l’esofago no. La presenza di acido nell’esofago è dannosa perché provoca dolore, infiammazione e in alcuni casi anche ferite.

 

Il reflusso è provocato da diverse cause.

  1. Una condizione fisiologica
  2. Una condizione patologica 

 

Una condizione fisiologia

Una persona sana può avere da uno a quattro episodi di reflusso in un’ora, si verificano quasi dopo aver mangiato, sono di breve durata. Gli episodi di reflusso sono isolati e poco frequenti. Le sue conseguenze sono lievi e spesso limitate. Si può superare con un minimo di attenzione all’alimentazione, modificando proprie abitudini e il proprio stile di vita. 

 

Una condizione patologica

Quando il reflusso è molto frequente, quasi quotidiano, diventa una vera e propria malattia. Si parla allora di malattia da reflusso gastroesofageo, è indispensabile rivolgersi subito al medico. Perché quando il numero degli attacchi di reflusso aumenta, l’esofago è in contatto con l’acido dallo stomaco per un tempo più lungo che causa infiammazioni e ferite.

 

In questi casi non è sufficiente modificare dieta e stile di vita. Per curare i sintomi è necessario ricorrere a una terapia e spesso all’uso di farmaci.

 

Nei casi più leggeri di condizione fisiologica è sufficinete seguire alcune regole, come modificare le proprie abitudini di vita, evitare di mangiare alcuni alimenti e preferirne altri evitare condizione che favoriscono il reflusso come il fumo. .

 

10 consigli antireflusso 

 

1: Una corretta distribuzione dei pasti durante la giornata (almeno cinque), una ricca colazione, spuntino, pranzo energetico, merenda  e una cena molto leggera

 

2: Inserire nella propria alimentazione più porzioni di verdure sia crude che cotte ogni pasto

 

3: Inserire nella propria alimentazione più porzioni di frutta almeno 3, meglio se fuori dai pasti.

 

4: Facilitare il compito del vostro stomaco inserendo nella vostra alimentazione legumi cotti due volte a settimana,

 

5: Una buona masticazione. Imparare a mangiare lentamente e prendersi il tempo di mangiare, non avere fretta in particolare a pranzo e a cena

 

6: Non bere alcool né durante i pasti né fuori pasto

 

7: Bere solo acqua potabile, poco durante i pasti e meglio prima dei pasti.

 

8: Praticare uno sport, u attività fisica aiuta a scaricare le tensioni e l’ansia, oppure imparate tecniche di rilassamento

 

9: Limitare la quantità di latte e preferire i derivati del latte di capra e pecora

 

10: Evitare cibi troppo grassi e alcuni cibi che riducono la pressione della valvola come cioccolato, caffè o thè.

Reflusso esofageo: 10 consigli antireflussoultima modifica: 2010-05-15T21:03:00+02:00da guntherkf
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento